Il percorso della mangiawalking di primavera 2023

Lunghezza

17 Km

Difficoltà

Medio - bassa

Il percorso dell'edizione 2024

La Mangiawalking della primavera si svolge su un percorso ad anello della lunghezza di circa 17 chilometri. Immersi nella natura, percorreremo sentieri e antiche strade rurali tra oliveti, boschi, castagneti e attraverseremo borghi medievali con siti di valore storico ed artistico.

Si parte da piazza della Torre di Casola e si inizia percorrendo il borgo storico di Casola, una terra di confine molto ricca, come mostrano i tanti palazzi nobiliari borghesi che si incontrano. Importante snodo viario tra il mare e le regioni del Nord, Casola è sempre stata al centro delle attenzioni delle più importanti Signorie che si disputavano il dominio territoriale durante il Medioevo. Simbolo di Casola è la Torre la cui edificazione risale al XV secolo.

Proseguendo si arriva a Pieve San Lorenzo che fu possedimento dei Malaspina, degli Estensi e della Repubblica di Lucca. Deve il suo nome alla maestosa pieve di San Lorenzo al centro dell’abitato, eretta verso l’anno Mille e antica pertinenza dei vescovi di Luni. L’edificio sacro conserva tratti tardo romanici e influssi gotici. Venne costruita con blocchi di arenaria, pietra tipica della zona, con un bel portale rinascimentale. Accanto sorge l’imponente campanile ottagonale.

Immersi nella natura la camminata prosegue fino al borgo di Argigliano che si trova al confine con la Garfagnana, posto accanto al torrente Tassonaro, ai piedi del monte Pisanino. Formato come nella tradizione lunigianese da case in pietra arenaria, al centro del paese si trova la chiesa di Santa Maria Assunta del XVI secolo. L’accesso avviene tramite una piccola scala a doppia rampa, la facciata in pietra a vista è racchiusa da alte paraste laterali intonacate, su cui si apre il bel portale che introduce all’interno a una navata.

Eccoci arrivati a Codiponte dove troviamo la stupenda pieve dei Santi Cornelio e Cipriano, mentre il paese vero e proprio è posto oltre il ponte sul torrente Aulella. Il nome stesso indica la sua posizione, steso sulla collina davanti alla pieve e caratterizzato dai modesti ruderi del castello, nella parte più elevata del paese.

Formato quasi completamente da case in pietra con bei portali quattrocenteschi in arenaria, il borgo è famoso per la bella pieve romanica risalente all’VIII secolo, ornata di capitelli con motivi allegorici che dividono l’interno in tre navate con archi a tutto sesto. Da vedere il trittico raffigurante la Madonna con il Bambino, i Santi Cornelio e Cipriano e il Volto Santo realizzato intorno al 1440.

La Mangiawalking si snoda tra boschi e prati fino a Luscignano che si sviluppa lungo il crinale della collina verso Terenzano. All’entrata del borgo si trova una vasca in marmo e un cippo commemorativo. Le vie principali del paese sono due e si congiungono nei pressi della chiesa di San Martino, dopo essere passati davanti a pregevoli portali e quella che sembra un’antica porta d’entrata.

La chiesa di San Martino, in origine del XV secolo, venne ricostruita nel Seicento a pianta centrale sormontata da una grande, poi distrutta dal terremoto del 1920. Particolare la bella facciata barocca, curvilinea, con un portale in arenaria ornato da un pregevole fregio a forma di valva di conchiglia. L’interno ad aula unica conserva venne decorato nel nel 1953 secondo il il gusto della scuola pontremolese di quel periodo, come l’affresco del solaio che sostituì la cupola.

Ed eccoci all’Air Camping La Traina…ultima tappa dove ad accogliere i camminatori le torte deliziose preparate dalle amiche casoline.

Punti ristoro

PRIMA TAPPA – PIEVE SAN LORENZO
Lpresso il ristorante Il Borghetto, ci attende una colazione salata con ciabatta ripiena di  prosciutto o formaggio *

SECONDA TAPPA – ARGIGLIANO (AREA DELL’ORATORIO)
Troveremo stuzzichini gustosi: marocca con miele, bruschette con olio, pomodoro e patè d’olive (a cura dell’Associazione Beato Paoli)

TERZA TAPPA – CODIPONTE
Ricca insalata di farro (a cura di Alimentari Ballerini)

QUARTA TAPPA – LUSCIGNANO
Sede ex dopolavoro, salsiccia e fagioli* (a cura della Pro Loco)

ARRIVO – CAMPING “LA TRAINA”
Torte deliziose preparate dalle amiche casoline

Il tutto sarà innaffiato da ottimo vino locale.
*alternativa per vegetariani 

Abbigliamento consigliato

Dato che il percorso attraversa prevalentemente mulattiere, strade sterrate e zone in cui il terreno può risultare sconnesso, è raccomandato l’utilizzo di calzature adatte (tipo trekking).

Vista la natura del percorso è inoltre non è possibile percorrerlo da persone con difficoltà motorie, passeggini e biciclette.

Consigliamo ai partecipanti di portare con se uno zainetto col quale portare con sé acqua e un capo più pesante da utilizzare in caso di necessità.

Iscriviti alla magiawalking di primavera 2024

le iscrizioni chiuderanno il 16 Maggio 2024